Scorri con il mouse le immagini sottostanti per vederle in questo box. Una volta caricata l'immagine, puoi fare click su di essa e vederla in formato 640 X 480.
Vega Camp

Il 24, 25 e 26 luglio 09 a Fernetti si è radunato il Vega KampfGruppe per un allenamento congiunto tale da gettare le basi per cooperazioni sul campo e non solo nelle organizzazioni. In tre giorni abbiamo toccato tutti i temi che riteniamo fondamentali e che devono essere condivisi tra i tre gruppi: tiro, camouflage, pianificazione.
La sessione di tiro è stata aperta il sabato mattina da Claudio al secolo "il Malvagio", che ha spiegato in modo lineare e senza perdersi in troppi fronzoli le tre posizioni di base ed i sistemi per tirare in movimento. Il modulo terminava con un addestramento a coppie su percorso da fare in silenzio... davvero utile!
Nelle tre ore successive, complice un acquazzone impietoso, è stato anticipato il modulo di pianificazione tenuto da Mauro, e nel primo pomeriggio, io, Du, Milko e Nero abbiamo dato una dimostrazione di camouflage, mostrando l'efficacia della mimetizzazione naturale si da fermi che in movimento. Successivamente abbiamo fatto gli attivatori, appostandoci lungo un percorso alle squadre che facevano pratica di movimento di pattuglia.
Terminata questa fase restava solo quella conclusiva, cioè la pianificazione. La missione proposta era la seguente:

  • Creazione di un campo base nascosto.
  • Spostamento in occultamento verso un punto di ritrovo delle 3 squadre.
  • Messa in sicurezza dell'area.
  • Attacco in tre ondate separate di un obj.
  • Rientro al campo base nascosto.
  • Esfiltrazione.
I vincoli erano: occultamento assoluto, evitare la contro, disciplina del silenzio nel punto di ritrovo, rispetto delle tabelle orarie. La riuscita o meno dell'attacco non era determinante, visto lo scopo eminentemente addestrativo dell'esercitazione.
Ho avuto il piacere di fare da tutor per la Brigata Bengasi (+ Viper e Matrix graditi ospiti della Brigata Cisalpina), che si sono mossi rispettando al massimo il poco tempo a disposizione. Stesso discorso vale anche per Du ed il Gruppo Aquila, e per Cipa, esordiente nel ruolo di comandante di una squadra SAT.
In definitiva sono stati tre giorni molto costruttivi, che ci hanno permesso di rinsaldare ulteriormente i rapporti con due gruppi, Gruppo Aquila e Brigata Bengasi, ai quali teniamo moltissimo, ed anche la riconferma della serietà di Matrix e Viper della Brigata Cisalpina, conosciuti al Berget 7.

<<< Precedente 1 di 4 Successivo >>>