Scorri con il mouse le immagini sottostanti per vederle in questo box. Una volta caricata l'immagine, puoi fare click su di essa e vederla in formato 640 X 480.
Raid Recon IV

Nella splendida Sardegna, in provincia di Cagliari abbiamo avuto il piacere di partecipare alla IV edizione di Raid Recon, organizzata dai Sardinia Islands. Dovevamo attaccare due obj principali con azioni dirette, altri due simulando l'acquisizione a mezzo laser di 2 campi di guerriglieri (LTD nota lusinghiera: il procedimento era lo stesso usato nella nostra Double Tap), e rilevando la posizione di numerosi obj secondari. Abbiamo stabilito di creare il campo base a sud del campo di gioco, cominciare dall'obiettivo pi¨ a nord e da lý avvicinarci al nostro campo base e in una seconda fase attaccare l'obj pi¨ a sud. Lungo il percorso avremmo dovuto fare anche l'LTD. Alle 12 del venerdý ci infiltriamo con i nostri zaini gi¨ per gli aspri pendii del campo, con la vegetazione fittissima che ci rallenta e ci fa cadere. In una gola stabiliamo il nostro campo, occultandolo praticamente dentro a cespugli di rovi, ci vogliono diverse ore di lavoro per rendere confortevole l'ambiente. Cala l'oscuritÓ c'Ŕ un vento teso e a tratti piove, il cielo coperto e le luci di Cagliari poco distante ci abbagliano e rendono il cammino lento e scomodo, complici i soliti arbusti. Dopo diverse ore di cammino, completamente fuori sentiero e senza nessun fastidio da parte della controinterdizione arriviamo davanti al primo obj: buio pesto e cielo coperto ci avviciniamo all'obj in silenzio totale e riuscendo a malapena a scorgerlo, Mauro e Psycho sulla destra, io e Nero a sinistra. Mauro apre il fuoco per primo, io e Nero facciamo fuoco di copertura, in pochi istanti l'obj Ŕ fatto. Salutiamo e ci allontaniamo, in direzione sud-est. Lungo il percorso troviamo 2 obj secondari e ci avviciniamo verso la collina che avevamo scelto per l'LTD. Qui accade un fatto antipatico, perchŔ per un fraintendimento non era stato portato dietro il cannocchiale e l'acquisizione dell'obj diventa impossibile. Sono le 4 di mattina, e comoincio ad aver un problema alle ginocchia, perci˛ decidiamo di rientrare al campo base. Arriviamo per le 8 di mattina, mangiamo e riposiamo. Verso sera Mauro, Nero e Andrea ripartono per il secondo obj, io sono costretto a restare fermo perchŔ le mie ginocchia non sono ancora tornate a posto. Posso solo riferire cosa Ŕ successo: in tre si sono avvicinati all'obiettivo senza il minimo rumore, hanno inquadrato i tre difensori ed eliminati con una sola raffica. Azione di un secondo. Alla mattina sbaracchiamo e raggiungiamo le nostre auto, pregustandoci un pranzo da favola. Ci ha stupito il debriefing, fatto individualmente e ripreso con la telecamera, un'idea che abbiamo subito copiato (previa autorizzazione :-)) nella Wasp Nest. In conclusione, grazie Gioma e grazie Sardinia Islands per la simpatia e per l'impegno profuso in questa gara, non mancheremo di ricambiarvi!

<<< Precedente 1 di 1 Successivo >>>