OPERAZIONE FENICE


Dopo la prima Burning jump datata 28 settembre 2003, mi è balenata in testa di "che bel film" avremmo vissuto ed avremmo fatto vivere, se in un organizzazione di un altro club avessimo usato gli elicotteri per attaccare gli obiettivi.

Per ben due volte, questo gesto tattico, al quale noi SAT avevamo dato il nome in codice OPERAZIONE FENICE stava per diventare realtà.....la prima volta ad una manifestazione in Emilia Romagna (ma la sfortuna, o la fortuna, visto che la manifestazione non era poi chissà che, ha voluto che tutti gli elicotteri del nord Italia fossero impegnati nel gran premio di formula uno) la seconda volta ad un evento in Sardegna (non siamo riusciti a trovare un prezzo che si avvicinasse alla cifra della nostra colletta!!!!) ....non ce ne vogliano i nostri amici sardi!

Questo sogno è rimasto chiuso nel cassetto segreto di noi SAT fino alla BALKAN STRIKE, evento non competitivo organizzato dalla LEGIONE X. Da quel momento non ho fatto altro che prodigarmi affinché la fenice prendesse il volo. Contatti con la società di elicotteri, definizione dei prezzi e delle tematiche legate ai permessi, alla sicurezza ed alla disponibilità di due elicotteri per la data in questione (26 aprile 2009).

Arrivati ad un accordo con loro dovevo (memorabile il viaggio di ritorno con Lorenzo DU,dopo che avevamo trovato l'accordo.....non facevamo che ridere come due scemi dicendo LA FENICE VOLA; LA FENICE VOLA!!) avere il permesso dell'organizzazione per l'atterraggio degli aeromobili.

Non mi restava che contattare Andrea ANDY Ariani (presidente della LEGIONE X) e renderlo partecipa del nostro sogno! Detto fatto, ci siamo messi d'accordo, i permessi li avrebbe procurati lui....e, dimostrando di avere ben compreso lo spirito del MILSIM....mi avvisava che soltanto il suo vice avrebbe saputo della cosa perché....voleva gustarsi le bocche aperte dei suoi quando si sarebbero visti attaccare da due elicotteri (dimenticavo.....mi ha garantito due obiettivi eliattaccabili!!! GRANDE!!!).

Non restava che aspettare di vedere se il proprietario del terreno ci avrebbe autorizzato all'atterraggio......la nostra FENICE stava per mettere le ali!! I giorni passavano e fervevano i preparativi (organizzazione degli imbarchi, tempistica d'imbarco e sbarco, posizioni di sicurezza appena toccato terra,...ecc...ecc..) ma la spada di Damocle dei permessi era ancora appesa sopra la nostra testa....fino a quando.....Squilla il telefono!!!! E' Andy!!! Non so se ero più felice io di sentire che tutto era risolto o lui di dirmelo!!!! A quel punto era certo che LA FENICE AVREBBE SPICCATO IL VOLO!

Eravamo a due settimane dall'evento e bisognava stringere i tempi ed organizzare il tutto. Quindi il primo attacco (attacco ROSSO diviso in imbarco ROSSO1 e ROSSO2) sarebbe partito dall'eliporto di RONCHI dei LEGIONARI e dopo una 10 di minuti avrebbe assaltato il primo obiettivo, una serie di costruzioni posizionate a sud della AO.

A quel punto gli elicotteri sarebbero andati ad imbarcare l'attacco BLU (formato dai voli BLU 1 e 2) in un PUP (Pick Up Point) fuori AO a circa mezzo chilometro dal confine nord dell'area di gioco. Questo attacco si sarebbe concentrato su un obiettivo sensibile rappresentato da un sentiero che sale verso le alture ad ovest.

Naturalmente, per avere qualche possibilità tattica sugli obiettivi, bisognava allenarsi a scendere velocemente dagli aeromobili, detto fatto....e così i due sabati mattina, prima del grande giorno, li abbiamo passati in eliporto, creando ex novo procedure di sbarco veloce (sempre con un occhio di riguardo alla sicurezza) ed allenandoci ad entrare ed uscire da un elicottero messoci a disposizione insieme al suo equipaggio dall'ELIFRIULIA.

I due eliassalti erano così composti:

ROSSO 1BLU 1
BARBAAUSSIE
ILEMPSICO
FABRIZIONAM
VECIO (1iC)TUSCO (1iC)
ROSSO 2BLU 2
BULLOKLAW
SABAMILKO
STENDU
LIUT (1iC)NERO (1iC)


E' il grande giorno.... THE BIG SUNDAY (scimmiottando un bellissimo film intitolato THE BIG WENSDAY). Noi SAT ci troviamo e saliamo sui due furgoni.....il viaggio fino all'eliporto è surreale.....ci sono battute ma si sente anche la tensione del momento (e ci mancherebbe che così non fosse!!!).

Arrivati nel piazzale troviamo LIUT ad attenderci e le sigarette per terra indicano che anche lui percepisce l'importanza di quanto faremo nelle prossime due ore! Sbarcano i componenti di ROSSO 1 e 2 e dopo i soliti saluti di rito, noi del BLU ci avviamo alla PUP.

Arriviamo dopo circa tre quarti d'ore (sono le 0800) ci prepariamo, allestiamo la zona d'imbarco e a quel punto chiamo LIUT e gli do luce verde....immediatamente dopo chiamo ANDY e lo avviso che entro una decina di minuti avremmo scritto una piccola parte della storia del SOFT AIR ITALIANO!!!

Mi credete se vi dico che questo, per me, organizzatore del tutto è stato il MIO MOMENTO? Ossia l'attimo che mi rimarrà più impresso di questo giorno? Passano i minuti ed una decina di minuti dopo udiamo a sud/est della nostra posizione un flebile rumore che diventa via via più riconoscibile! ROSSO arriva!.... e subito dopo ROSSO ATTACCA!!!!

Adesso è il nostro momento.....il rumore diventa assordante.....il terriccio sollevato dalle pale rende complicato l'imbarco ma in un attimo siamo in aria e corriamo verso la nostra zona di attacco.....i pattini toccano terra....FUORI FUORI FUORI.....altro terriccio sollevato ....noi che prendiamo il limitare del bosco mentre gli elicotteri si allontanano....e le raffiche si fanno intense....l'adrenalina pompa nei nostri corpi e, mentre BLU 1 fa fuoco di soppressione, BLU 2 si infila di corsa nel boschetto sede del nostro obiettivo.

Ogni chalk si è poi impegnato in varie missioni che avevamo programmato con esiti alterni.....ma l'emozione di essere riusciti a riprodurre un sogno di tanti di noi soft gunners, è e rimarrà il ricordo indelebile di quasta giornata!! LA FENICE HA VOLATO E VOLANDO CI HA IMMERSI IN UN SOGNO!!!!

Ringrazio prima di tutto tutti i miei SAT, senza la loro professionalità e "marzialità", tutto questo non sarebbe stato possibile e poi, naturalmente Andrea ANDY Ariani, che è riuscito a soddisfare tutte le richieste burocratiche a cui bisogna adempiere per un evento di questa portata. Chiudo con una riflessione, sono convinto che con questa cosa siamo all'inizio di una nuova frontiera del MILSIM....che potrebbe portarci in "film" a tutt'oggi inimmaginabili!

Sogniamo RAGA!!!!

Mauro "TUSCO" Bressan SAT 1iC